È un’alterazione a carattere cronico- degenerativo che può interessare il corpo tendineo, le guaine, le borse, quindi quelle strutture che si trovano al di sopra del calcagno. Il tendine d’Achille infatti deriva dall’unione dei muscoli gemelli e del soleo, si inserisce sulla porzione posteriore della tuberosità del calcagno.

 

Causa

La causa è un importante stress meccanico delle varie strutture in un contesto di accorciamento muscolare della catena posteriore, ciò può generare problematiche a più livelli:

  • di tipo inserzionali e/o entosopatiche dove degenerano le fibre responsabili dell’inserzione del tendine sul profilo posteriore del calcagno.
  • da conflitto, con conseguente lesione parziale del tessuto tendineo a causa dell’alterata anatomia del bordo superiore della tuberosità del calcagno (Morbo di Huglund/ calcagno appuntito anatomicamente).
  • lesioni del tendine che di solito rappresentano esiti di una tendinosi cronica recidivante.

Tendenzialmente vengono colpiti pazienti che presentano un’alterata biomeccanica, accorciamenti muscolari, soggetti che praticano attività sportiva con alto impatto tensivo sul piede.

 

Trattamento

La terapia ortesica plantare, oltre a lavorare sull’aspetto meccanico e funzionale del piede, deve essere inserita all’interno di un protocollo che prevede l’allungamento delle catene accorciate; utile quindi un approccio multidisciplinare alla problematica.

Terapie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

PER RIMANERE AGGIORNATO SULLE ATTIVITÀ DELLO STUDIO