Il piede umano ha 42 muscoli, 26 ossa, 33 articolazioni e almeno 50 legamenti e tendini fatti di forti tessuti fibrosi per tenere insieme tutte le parti mobili. Il piede è una meraviglia evolutiva, capace di gestire centinaia di chili di forza e pressione – come il peso del proprio corpo in movimento – ogni giorno. Ma lo stress di sorreggerti e portarti in giro costantemente aumenta il rischio di lesioni, molto più che in altre parti del tuo corpo. Molti problemi ai piedi, tra cui vesciche, borsiti, calli, funghi/micosi, possono svilupparsi a causa di negligenza o scarpe inadeguate, è quindi importante conoscerli per prevenirli. 

Piede d’atleta

Causato da un fungo dermatofitico che ama gli ambienti caldi e umidi, come le aree tra le dita dei piedi, il piede d’atleta (tinea pedis) può causare infiammazione della pelle ed eruzioni cutanee bianche e squamose oppure rossastre. Questo fungo provoca anche prurito, bruciore, desquamazione e talvolta cattivo odore; importante accorgersene per tempo dato che l’infezione può anche migrare verso altre parti del corpo. È possibile evitarlo mantenendo i piedi e le dita puliti e asciutti e cambiando regolarmente scarpe e calzini. Creme o spray antimicotici da banco possono essere usati per trattarlo, ma come sempre vi consiglio di contattarmi per essere sicuri di attuare la terapia più adeguata. 

Dito a martello

Il dito a martello è una deformità molto comune che colpisce il secondo, il terzo o il quarto dito del piede, spesso causato da scarpe inadatte oltre che da un errato funzionamento del piede. Il nome deriva proprio dalla forma ricurva che il dito assume. In pratica le falangi delle dita si curvano e si dislocano l’una rispetto all’altra. Tendenzialmente all’inizio il dito a martello è flessibile, se non è curato prontamente però può diventare rigido; nei casi clinici più gravi dove l’approccio conservativo (ortesi digitali) fallisce, può diventare necessario anche l’intervento chirurgico. 

Vesciche

È semplice: se le tue scarpe ti calzano bene, non avrai vesciche. Si tratta di lesioni della pelle, piene di liquido trasparente. Si formano molto velocemente, sono spesso dolorose e possono rendere difficile la deambulazione. La cosa migliore da fare è lasciarle intatte, affinché guariscano spontaneamente. Se la vescica si rompe accidentalmente, asciugala e applica un antisettico. 

Borsite

La borsite è un disturbo che colpisce una borsa, ossia una sacca ripiena di liquido situata sottocute, in genere in corrispondenza delle articolazioni, che agisce come cuscinetto tra tendini e ossa. Le borsiti hanno varie cause, tra cui deformità scheletriche, artrite, artrosi, traumi acuti, microtraumatismi ed ereditarietà. La chirurgia è spesso raccomandata nei casi in cui i metodi di trattamento conservativi come ortesi in silicone, ortesi plantari, terapie antinfiammatorie, infiltrazioni, non hanno dato risoluzione totale della problematica.

Callosità

I calli si formano dopo ripetuti sfregamenti contro una zona della scarpa oppure per eccessivo sviluppo di pressione in un’area del piede. Si formano soprattutto sotto al piede e sui lati delle dita, possono essere duri e dolorosi. Non cercare di tagliare o rimuovere calli e duroni da solo, contattami per trattarli. 

Fascite plantare

La fascite plantare è un disturbo doloroso in cui la fascia plantare che collega la base delle dita al tallone, si infiamma. Le cause possono essere dovute a innumerevoli fattori, spesso combinati tra loro: piedi piatti,piedi cavi, scarpe sbagliate, sovrappeso, allenamenti inadeguati o debolezza di alcuni muscoli del piede e dell’arto inferiore. La fascite plantare è molto dolorosa e generalmente la fitta è localizzata in prossimità del tallone.  E’ possibile trattarla con bendaggi specifici in grado di scaricare la struttura lesionata (la fascia), terapie antinfiammatorie, esercizi di allungamento muscolare, ortesi plantari o solette posturali.

Unghie incarnite 

Tagliare per bene le unghie è fondamentale per la salute dei piedi. Se non tagliate correttamente, gli angoli o i lati dell’unghia, questi possono crescere nella pelle dei solchi ungueali e incarnirsi appunto. Un’altra causa può essere la troppa pressione della tua calzatura abituale, un’infezione da funghi o la presenza di deformità digitali. Quando tagli le unghie dei piedi, usa un tagliaunghie retto, evita di tagliarle troppo corte, evita di tagliarle di lato; se non ti senti sicuro nell’utilizzare taglienti non cercare di tagliare da solo, contattami per trattarle.

Funghi / Micosi

La micosi dei piedi può interessare sia la cute (pianta e dorso del piede, zone interdigitali) che le unghie, con prurito e bruciori. Evitarli non è facile, soprattutto se si cammina spesso scalzi, si frequenta spogliatoi (palestre), piscine..insomma qualsiasi ambiente caldo umido. E’ importante quindi lavare i piedi con costanza e asciugarli molto bene, lasciare le scarpe all’esterno dell’ambiente domestico (terrazzo, portefinestra, finestre) e cambiare i calzini ogni giorno.

Ti è piaciuto questo articolo? Metti Mi Piace alla pagina Facebook per rimanere aggiornato sulle attività dello studio o lascia una recensione.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

PER RIMANERE AGGIORNATO SULLE ATTIVITÀ DELLO STUDIO