Che siate dei runner incalliti o dei passeggiatori saltuari, per poter camminare correttamente è fondamentale usare e conoscere bene il proprio corpo.

Con una postura “adeguata”, sarete in grado di evitare determinate problematiche, camminare più a lungo e più velocemente.

Se riscontri problemi a camminare perché senti dolori durante, o dopo, la passeggiata, alcune delle prime cose da controllare saranno la tua postura, il tuo appoggio plantare e la calzatura utilizzata.

Ecco 5 punti per non alterare eccessivamente il tuo schema posturale:

1) Sguardo in avanti: tieni gli occhi in avanti, non guardare in basso. Proietta la tua visione 10 metri avanti a te. In questo modo sarai in grado di vedere il tuo percorso e qualsiasi ostacolo.

2) Rilassare le spalle aiuterà ad alleviare la tensione e ad usare al meglio i muscoli delle braccia nella fase di oscillazione rispetto alle gambe.

3). Contrai l’addome: i muscoli del core possono aiutarti a mantenere una buona postura. Mantieni l’addome leggermente tirato mentre continui a fare respiri profondi e completi.

4) utilizza sempre calzature idonee, ad oggi esistono sul mercato moltissime scarpe da running.

5) controllare ogni mese lo stato della scarpa che utilizziamo per l’attività, e quindi l’usura del tacco posteriore – l’usura della zona avampodalica – la quantità di km effettuati – la tenuta durante l’allenamento.

Ora sei pronto per goderti la tua passeggiata, e ricorda di controllare ogni tanto ciò che accade al tuo corpo mentre camminiamo. Sempre più spesso vedo persone correre/camminare senza rendersi conto di non conoscere gli schemi di base per poter correre o muoversi “in sicurezza”, ed inevitabilmente vanno incontro ad infortuni o sviluppano sintomatologie mai avute prima.

Se scopri di ripetere regolarmente lo stesso “atteggiamento” mentre cammini o corri, é probabile essere in presenza di un “vizio posturale”.

“Capitolo smartphone” 

Resisti all’impulso di controllare il tuo smartphone anche mentre cammini. Un consiglio può essere quello di usare auricolari o cuffie Bluetooth per effettuare e ricevere chiamate senza perdere la concentrazione. Il vero problema risultano essere poi i messaggi e le chat, sempre più spesso si tende a camminare mentre si messaggia, sicuramente questo è un fattore recente che può però aumentare l’insorgenza di vizi posturali.

Ti è piaciuto questo articolo? Metti Mi Piace alla pagina Facebook per rimanere aggiornato sulle attività dello studio o lascia una recensione

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

PER RIMANERE AGGIORNATO SULLE ATTIVITÀ DELLO STUDIO