Le infezioni del piede sono tra le complicazioni più comuni nelle persone con diabete mellito. Quando una lesione apparentemente normale non viene curata o medicata, può diventare infetta molto rapidamente.

Perché parliamo proprio dei diabetici? 

I pazienti diabetici hanno livelli anormalmente elevati di glucosio nel sangue per lunghi periodi di tempo. Ciò può causare danni alle arterie e ai nervi, che possono compromettere la sensibilità e la funzionalità dei piedi e dell’arto inferiore.

Le due principali complicanze che possono causare danni al piede nel paziente diabetico sono:

La neuropatia: si verifica a causa di danni ai nervi, causando una diminuzione della sensibilità nei piedi. Questo può portare a sviluppare lesioni durante la deambulazione (per esempio in contesto di una callosità), senza che il paziente ne abbia percezione e coscienza.

Vasculopatia periferica: una condizione che influisce sul flusso sanguigno atrofizzando progressivamente i vasi sanguigni, rendendo per esempio molto più difficile e lenta la guarigione di una lesione proprio per mancanza di apporto di flusso nella zona in questione.

Non è che queste due condizioni lesioni ulcerative in quanto tali, ma possono favorirne l’insorgenza soprattutto quando in uno stesso paziente diabetico sono presenti entrambe le complicanze. Come già accennato precedentemente, in presenza di neuropatia, a causa della scarsa sensibilità, il soggetto diabetico può non rendersi conto di essere ferito e continuare a camminare su un piede o una gamba con lesioni attive.

Il rischio di ulcere 

Una lesione ulcerativa in un paziente diabetico, trascurata o non curata adeguatamente e soprattutto in tempi giusti, può portare, in certi casi, anche all’amputazione. La prognosi può sembrare terribile, ma le complicazioni e le amputazioni possono essere evitate se si presta la dovuta attenzione ai piedi:

– cerca di non favorire l’insorgenza di microlesioni indossando scarpe e calzini adeguati;

– esamina regolarmente i tuoi piedi per rilevare disturbi come vesciche, callosita’, zone di arrossamento, aree di macerazione, rivolgiti al Podologo per un approfondimento

– lava e asciuga regolarmente i piedi per evitare di creare aree umide che possono favorire proliferazione di microrganismi;

– non esitare a fare una visita podologica se sei preoccupato o hai riscontrato qualsiasi alterazione cutanea;

– informa lo specialista in caso di comparsa di nuove sensazioni come intorpidimento improvviso o formicolio ai piedi.

Ecco un semplice schema delle 10 regole per la salute del piede nel Paziente Diabetico

Ti è piaciuto questo articolo? Metti Mi Piace alla pagina Facebook per rimanere aggiornato sulle attività dello studio o lascia una recensione

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

PER RIMANERE AGGIORNATO SULLE ATTIVITÀ DELLO STUDIO